Come rinvasare i gerani

Da Il Giardiniere del Timo|15 gennaio 2018|Cura dei fiori|1 commenti

Come rinvasare i gerani. Cura e giusta collocazione.

Al momento dell’acquisto, i gerani presentano un terriccio essenziale ma povero di elementi nutritivi attivi; i substrati sono infatti solitamente ricchi di torba che ha scarsa capacità di trattenere i nutrimenti. Questo si traduce in una dotazione che non permetterebbe alla pianta di esprimere i migliori risultati. Si consiglia, quindi, di rinvasare la pianta appena acquistata, con un terriccio adeguato ed una concimazione che favorisce la fioritura.

Già ad inizio aprile in tutte le floricolture occhieggiano i primi vasi di geranicon infiorescenze ben formate e pronte a schiudersi. Acquistandole, non dimentichiamo che sono piante abituate ad ambiente protetto della serra oppure sono state cresciute a climi diversi da quello dove sono poi vendute. 

È quindi buona abitudine, appena la piantina si è ambientata e ha superato lo shock della nuova posizione e della nuova mano che la cura, favorire la sua crescita con un rinvaso.

1. Prima di trasferire la pianta nel contenitore definitivo è meglio innaffiarla, in modo che il pane  di terra esca senza fatica dal vecchio vaso, senza danneggiare le radici. 

2. Dopo aver predisposto sul fondo del nuovo vaso uno strato di sassolini o di argilla espansa per favorire il drenaggio e, sopra, un po’ di terriccio, si appoggia la  piantina con tutto il suo pane di terra,  senza danneggiare le radici. Molti durante questa fase provvedono alla diradazione delle radici, questa operazione non è necessaria e rischia di danneggiare l’apparato radicale, pertanto si suggerisce di non diradare.

3. Riempire con altro terriccio il vaso, passando leggermente con le dita così che la pianta sia ben stabile e ben ancorata. La sistemazione del terriccio viene favorita da una abbondante irrigazione. E’ sempre suggerito l’utilizzo di un sottovaso per consentire una minima riserva d’acqua alla pianta. Il sottovaso è quindi sempre indicato anche per i gerani anche se in genere sono piante che necessitano di innaffiature mediamente frequenti.

4. Il giorno dopo si annaffia ancora, ma lentamente e a più riprese, senza inzuppare il terreno, ma inumidendolo per intero.

Collocate il geranio nel suo nuovo vaso sul davanzale del terrazzo o del balcone, in una posizione ben illuminata ed esposta al sole. La mancanza di luce determina l’ingiallimento delle foglie e l’indebolimento della pianta. Il geranio ama il caldo e tollera temperature anche molto alte, soffre invece con temperature inferiori ai 10°C e in presenza di correnti d’aria.

Bagnate durante la stagione vegetativa in base alle temperature e alle esigenze, in media una volta ogni 2-3 giorni: prima di innaffiare, controllate le condizioni di umidità del terriccio e regolatevi di conseguenza, bagnando solo quando il terriccio si sarà asciugato. Eccessi e ristagni idrici, infatti, sono dannosi per la pianta, in quanto determinano l’insorgenza e lo sviluppo di marciumi radicali.

Pulite regolarmente le piante eliminando le foglie secche e i fiori appassiti, recidendo lo stelo all’inserzione sul ramo. In questo modo, darete spazio allo sviluppo di nuovi fiori per tutta la stagione estiva.

IL CONSIGLIO DELLA NONNA:
Se per il rinvaso utilizziamo vasi di terracotta  la regola è quella di  mettere a bagno i vasi di coccio almeno un’ora prima di utilizzarli per il rinvaso. Questo serve per aprire i pori del recipiente dai quali, dopo detta operazione, acqua ed aria, elementi indispensabili alla buona vegetazione della pianta, circoleranno più facilmente!  

Titolo
Come rinvasare i gerani. Cura e giusta collocazione.
Titolo dell'articolo
Come rinvasare i gerani. Cura e giusta collocazione.
Descrizione
Al momento dell’acquisto, i gerani presentano un terriccio essenziale ma povero di elementi nutritivi attivi; i substrati sono infatti solitamente ricchi di torba che ha scarsa capacità di trattenere i nutrimenti.
Autore
Editore
Garden e Vivai del Timo
Logo
Il Giardiniere del Timo

I segreti del giardinaggio si scoprono praticandolo giorno dopo giorno con costanza e passione

Ti è piaciuto l'articolo? Possiamo segnalarti gli articoli più richiesti?
Condividi questo post:

1 Commento

  1. Articoli correlati: Riconosciamo le varietà del geranio - Garden e Vivai del Timo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*